Altri articoli sul numero 94
 Articoli sullo stesso argomento

Passando  dall'A500 all'A1200, Alessandro Braccini ha notato
che i floppy disk HD formattati a bassa densita' non vengono
piu'  riconosciuti  dal drive del suo nuovo Amiga, e bisogna
per  forza  chiudere  il  loro  secondo foro con un pezzo di
scotch.

Formattare  i  dischetti  HD  a  bassa  densita'  non e' una
pratica  consigliabile,  perche'  l'ossido  magnetico ha uno
spessore  differente.  A  volte  questa  differenza  provoca
difficolta' di lettura del dischetto su alcuni floppy vecchi
o disallineati. Un floppy HD formattato a bassa densita' non
potra'  mai  piu' essere riformattato affidabilmente ad alta
densita',  perche'  quando  opera  in modo HD la testina non
puo'  cancellare i domini magnetici profondi magnetizzati in
modo  DD.  Per recuperare il disco bisognera' passarlo su un
apparecchio  smagnetizzatore,  che  puo' essere arrangiato a
costo   nullo   recuperando   un  vecchio  trasformatore  di
alimentazione   con   nucleo   non  resinato,  aprendolo,  e
togliendo  il  pacchetto di lamierini che chiude il circuito
magnetico.

Bisogna  otturare  il secondo foro del dischetto perche' gli
ultimi  modelli  di  A1200,  soprattutto  quelli prodotti da
Escom,  utilizzavano  in  realta'  un  floppy  drive ad alta
densita'  per  PC  compatibili collegato in modalita' DD. Di
conseguenza  hanno un sensore in corrispondenza del foro HD,
che commuta il modo di funzionamento della testina: ma Paula
non  sa  interpretare  i  dati  HD che arrivano da un floppy
drive  in  standard  IBM,  e  il  Workbench  dichiara che il
dischetto e' illeggibile.

Per attivare il modo HD anche su Amiga bisognerebbe eseguire
modifiche  laboriose  e  di esito incerto, oppure acquistare
l'interfaccia  interna "CatWeasel", ora disponibile anche in
versione  Zorro.  Per  evitare  di dover coprire di scotch i
dischetti  basta  allora spezzare o strappare via il piccolo
perno  plastico  del sensore del drive, riducendolo cosi' ad
un drive DD a tutti gli effetti.

I  floppy  HD formattati DD non vengono riconosciuti neanche
dai  veri  drive  Amiga  ad  alta  densita', ma per un altro
motivo:  il  trackdisk.device,  che  fa parte del Kickstart,
legge  lo stato del sensore per il secondo foro e si commuta
in  modalita'  HD,  tentando  di  acquisire  22  settori per
traccia  invece dei soliti 11. In questo caso basterebbe una
patch  per istruire il trackdisk.device a tentare la lettura
anche   in   modalita'  standard  e  il  dischetto  verrebbe
riconosciuto.


Main Previous Next