Altri articoli sul numero 93
 Articoli sullo stesso argomento

Andre'  Vellori  chiede  se  l'instabilita'  del  suo  A1200
dipende  da  un'eccessiva lunghezza del cavo IDE (oltre i 40
cm) o dalle cattive caratteristiche dell'hard disk Palladium
JTS.  Il  sistema torna stabile togliendo dalla porta PCMCIA
l'espansione  AlfaRAM600  da  4 Mb, quindi il software usato
non ha colpa.

E'    molto   probabile   che   il   cattivo   funzionamento
dell'espansione  PCMCIA  dipenda da una combinazione dei due
fattori:  cavo troppo lungo e hard disk inadatto. Il difetto
originario  e'  dovuto ad una discutibile scelta di progetto
dell'A1200 e della maggioranza degli adattatori da 2.5 a 3.5
pollici,  che  per  risparmiare  poche lire non usano buffer
amplificatori  come  su  A4000. I segnali generati dalla CPU
dell'Amiga  vanno  cosi' direttamente sui fili del bus IDE e
sulla  porta  PCMCIA,  sovraccaricando  la  CPU.  Secondo le
specifiche  tecniche  Commodore,  la  porta  IDE di A1200 e'
garantita  per un singolo hard disk da 2.5 pollici collegato
con  un  cavo lungo da 1 a 10 cm; qualsiasi altra periferica
funziona fuori specifiche.

Poiche'  i  chip  di  Amiga 1200 usano la tecnologia MOS, il
sovraccarico  piu'  temibile e' quello causato da un eccesso
di  capacita':  la  CPU  e  il  Gayle  non  sono  abbastanza
"potenti"  per imporre rapidamente il cambiamento di livello
logico,  che  avverra'  con  qualche  ritardo.  Il  problema
reciproco  si  pone quando e' l'hard disk che deve fornire i
dati richiesti.

La   capacita'   sul   bus  e'  formata  da  tre  contributi
principali:  la  piattina  IDE, la scheda acceleratrice e le
periferiche IDE.

Le schede CPU (o espansioni Fast RAM) economiche come Apollo
1230LC  non  hanno  buffer  interni, e quindi contribuiscono
maggiormente  al  problema. La piattina IDE ha una capacita'
che  cresce  rapidamente e linearmente con la sua lunghezza.
Le  periferiche  IDE  hanno caratteristiche elettriche molto
variabili:  si  va  da  certi  dischi da 3.5 pollici come il
Western   Digital  Caviar  21600  che  impongono  un  carico
fortissimo,  a modelli facilmente pilotabili da Amiga come i
Seagate Medalist/Medalist PRO.

Quello che conta e' la somma dei contributi, ed e' questo il
motivo  per  cui non c'e' una regola precisa sulla lunghezza
massima   della  piattina  IDE:  70  cm  possono  funzionare
benissimo  su  un  computer,  mentre su un altro A1200 30 cm
sono  gia'  troppi.  Quando  si manifestano instabilita' non
resta che permutare periferiche, acceleratrice e cavi fino a
trovare una situazione stabile.

Normalmente  la  porta  PCMCIA e' la prima a risentire della
capacita' eccessiva, quindi le schede PCMCIA sono le prime a
smettere di funzionare.


Main Previous Next