Altri articoli sul numero 89
 Articoli sullo stesso argomento

Un'altra  domanda di Giancarlo Landi riguarda la riparazione
del connettore della tastiera dell'A1200, dotato di contatti
in   carbone   che  si  rovinano  molto  facilmente  con  le
inserzioni   ed   estrazioni  ripetute,  soprattutto  se  si
dimentica di sollevare la linguetta superiore del connettore
prima  di  estrarre  il  cavo dalla motherboard. La tastiera
andrebbe  tolta  solo  in  casi  estremi, mentre nei normali
interventi  basta  appoggiarla  delicatamente  sul  tavolo o
sorreggerla  con una mano. Quando si rovina il cavo stampato
verde   l'unica   soluzione   e'   quella   di   accorciarlo
leggermente,  asportando  la  vernice  isolante dall'area di
contatto con carta abrasiva extrafine. Se il cavo diventasse
troppo  corto,  non  resta che gettare l'intera tastiera (il
connettore  e'  parte integrante del corpo tastiera), oppure
dissaldare  dalla  motherboard  il  connettore  e creare una
piccola prolunga con normale cavo piatto tra il connettore e
la motherboard.

Per  montare  l'A1200  in un cabinet tower autocostruito, la
soluzione  piu'  economica  al  problema  della  tastiera si
ottiene  sostituendo il connettore della motherboard con uno
tradizionale,   e   costruendo   una  piccola  prolunga  per
riportare  il fascio di fili ad un connettore multipolare da
pannello. Il connettore originale verra' riutilizzato dentro
la  scatola della tastiera, da cui uscira' un cavo miniatura
a  31  o  32  conduttori  (diametro  complessivo  di circa 8
millimetri).  Tuttavia ci e' stato segnalato che questo cavo
non e' facilmente reperibile in tutt'Italia, e inoltre molti
lo giudicano difficile da saldare.

In questo caso, se per motivi estetici non si vuole usare il
normale  cavo  piatto  ripiegato  a  soffietto in una guaina
tonda , bisogna per forza acquistare una tastiera per Amiga.
In  alternativa si puo' usare una tastiera PC con l'apposito
convertitore   di   protocollo  prodotto  da  Cabletronic  e
Micronik,   che   e'  autocostruibile  seguendo  gli  schemi
pubblicati   su  Aminet.  Bisogna  quindi  dissaldare  dalla
motherboard  i  piedini 38, 13 e 14 di U13 (Keyboard micro);
saldare  il  filo  che  porta il segnale KBclock proveniente
dalla  nuova tastiera al piedino 44 del CIA U7; collegare il
segnale  KBdata  al  piedino 43 del CIA; e infine saldare il
piedino KBreset (disponibile solo sulle tastiere di A500) al
piedino  63 di Gayle oppure alla piazzola sotto al pin 38 di
U13  (sollevato  o  asportato). La tensione di alimentazione
per la tastiera a +5 volt si puo' prendere dal piedino 22 di
U7, mentre la massa dal piedino 1 sempre di U7.

Le  piedinature  degli  spinotti  delle  tastiere Amiga sono
state  pubblicate  sul numero 60. Solo usando la tastiera di
un   A500   si  puo'  resettare  l'Amiga  premendo  i  tasti
Control-Amiga-Amiga;  in  tutti  gli  altri  casi bisognera'
limitarsi  a  collegare i due fili del pulsante di reset del
tower tra il piedino 63 di Gayle e la massa.

L'effetto estetico di questa modifica e' molto sgradevole da
vedere  (fili  e saldature sparse per mezza motherboard...):
ma l'unica alternativa e' l'acquisto di un kit tower, oppure
del  convertitore  Micronik  che si inserisce nel connettore
della  motherboard di A1200 e accetta direttamente i segnali
delle  tastiere  PC.  Per ridurre al minimo i fili volanti e
facilitare  l'eventuale  smontaggio,  sarebbe  bene usare un
connettore   intermedio   per   montaggio  superficiale,  da
incollare sopra ad U7.

Massimo  e  Tiziano  De Simone invece chiedono come si fa ad
ottenere  il  simbolo  ^  dalla  tastiera  italiana del loro
Amiga,   visto   che   la   semplice   pressione  del  tasto
corrispondente non sembra avere effetto.

Amiga   usa   una  gestione  della  tastiera  conforme  alle
raccomandazioni   degli  standard  internazionali  ISO.  Per
venire  incontro alle esigenze dei paesi dove si usano molti
accenti,  prevedono  una  gestione dei modificatori mediante
"deadkeys"  abbinata  ad  una  tavola dei caratteri standard
(adottata  anche  da  Microsoft  Windows).  Purtroppo e' una
raffinatezza  che  e'  rimasta  patrimonio  solo  di  Amiga,
assieme  alla  disponibilita'  del  tasto con l'accento e il
simbolo  ~  (anch'esso  obbligatorio  secondo  lo standard).
L'uso  dei  deadkeys  e' molto semplice: prima si preme e si
rilascia  il modificatore (in questo caso il tasto shift+i',
che corrisponde al simbolo dell'accento circonflesso ^), poi
si  preme  il  tasto della lettera da modificare: ad esempio
premendo  ^  e poi la lettera a si ottiene una a con accento
circonflesso, mentre per ottenere il solo ^ si preme ^ e poi
lo spazio.


Main Previous Next