Altri articoli sul numero 89
 Articoli sullo stesso argomento

Giancarlo   Landi   e'  perplesso  sull'affidabilita'  degli
alimentatori  Commodore  che  usa  col  suo  A1200  di Amiga
Technology,  per  le periferiche e per l'Amiga. Si tratta di
una  coppia  identica  di  modelli da 5V 3A e 12V 500mA, del
tipo  con  regolatore  a  commutazione basato sull'integrato
UC3844.  Uno  dei  due  produce rumori simili ai disturbi di
sottofondo  sovrapposti all'audio del lettore CD-ROM, e gia'
in  precedenza  una semplice saldatura fredda al suo interno
aveva  causato  un  grave  danno  al  computer: l'uscita era
salita a ben 80 volt, distruggendo le periferiche collegate.

Gli  UC384x  sono  circuiti integrati progettati da Unitrode
piu'  di  10  anni fa che servono a generare onde quadre con
"duty-cycle"  variabile. In alternativa all'altro "veterano"
TL494,  sono  usati spesso negli alimentatori stabilizzati a
basso  costo  come  quelli dei PC assemblati, e quindi negli
alimentatori  potenziati  per  Amiga  da essi ricavati. Sono
componenti  rudimentali  usati  solo  per il loro bassissimo
costo,   che   appartengono   alla   prima   generazione  di
controllori  PWM  e  non  hanno  nessuna funzione evoluta di
protezione,  percio'  esiste  la  possibilita'  di un guasto
catastrofico.

Fortunatamente  la  soluzione  e' abbastanza semplice: basta
aggiungere  tra  le  uscite a +5 e +12 volt e la massa degli
elementi  di  protezione sensibili alla tensione. In caso di
sovratensione   entrano   in   conduzione   e   mandano   in
cortocircuito  l'alimentazione,  provocando  la  distruzione
immediata del transistor di commutazione nell'alimentatore e
quindi  l'interruzione  della  pericolosa  corrente  ad alta
tensione.  Per  una protezione piu' efficace, sarebbe meglio
aggiungere    anche    un    fusibile    rapido   in   serie
all'alimentatore  (prima  dell'elemento di protezione), come
indicato nella figura.

Gli  elementi di protezione piu' economici e reperibili sono
i  diodi zener da 2 watt, di modesta efficacia, mentre tra i
semiconduttori  dell'ultima generazione sono particolarmente
adatti  allo  scopo il modello IN6267 (equivalente a ZP2006,
codice  RS  283-255)  per  la  linea  a  +5  volt,  e IN6276
(equivalente a ZP2016, codice RS 283-261) per la linea a +12
volt.  Il  costo  e' di circa 5-10000 lire l'uno. Ricordiamo
che   la  RS  Components  (tel.  02/27425425)  non  richiede
quantita'  minime  d'ordine  (si  limita  ad  applicare  una
maggiorazione  di  prezzo), ma non vende ai privati: solo ai
negozi  di  componenti  elettronici  oppure  alle  attivita'
industriali e artigianali di qualsiasi settore merceologico.

Il  rumore  proveniente  dall'alimentatore  e'  dovuto  alla
vibrazione  di  un componente non ben fissato, probabilmente
la bobina del trasformatore ad alta frequenza: e' fastidioso
ma  non da' preoccupazioni. E' udibile a causa del metodo di
regolazione  della tensione molto semplice adottato dal chip
UC3844;  con  i  regolatori  piu' moderni una bobina fissata
male  produrrebbe una specie di fruscio costante, e anche la
stabilizzazione  sarebbe  migliore. E' perfettamente normale
anche  il fatto che a carico scollegato le tensioni misurate
sulle  uscite  dell'alimentatore  non  sono stabilizzate. In
questa  rubrica  non  c'e' spazio per approfondire il motivo
tecnico,  che  viene  accennato  (assieme alle contromisure)
anche nella application note AN246 reperibile in formato PDF
sul sito internet del produttore del chip (www.st.com).


Main Previous Next