Altri articoli sul numero 88
 Articoli sullo stesso argomento

Pasquale  Matta e Claudio Martinengo segnalano una sporadica
corruzione  dei  dati  o blocchi della catena SCSI usando il
modulo  SCSI2  del  controller Blizzard 1230 IV, soprattutto
quando  si manipolano file di grosse dimensioni. Nel caso di
Claudio  il  blocco  si  verifica  solo copiando tra lettore
CD-ROM  NEC  210 e drive ZIP, mentre Pasquale segnala errori
sull'hard disk Quantum XP32150.

I   conflitti   dovuti   a  revisioni  non  compatibili  del
protocollo  SCSI  sono  rarissimi  e  circoscritti ad alcune
periferiche  speciali  molto  vecchie,  usate in circostanze
particolari  (es:  il  drive  removibile  SQ555,  il lettore
CDU8001,  gli  hard  disk  Quantum  LPS120  e  LPS240, certi
streamer  Exabyte  e  masterizzatori  CD  single  speed). Le
periferiche   SCSI2  possono  essere  usate  senza  problemi
assieme alle SCSI.

I  sintomi  descritti  nelle  lettere fanno invece pensare a
problemi  elettrici della catena SCSI. Di solito sono dovuti
a   cavi  difettosi,  troppo  lunghi  o  non  conformi  alle
specifiche,  terminatori SCSI inseriti in maniera scorretta,
difetti negli alimentatori delle periferiche esterne.

Alcune  procedure  sono gia' state discusse in dettaglio nei
numeri    scorsi,    e    sono    comodamente   consultabili
sull'ipertesto offerto in omaggio agli abbonati.

Prima  di  tutto,  bisogna  verificare  che la posizione dei
terminatori  sia  corretta.  In  questo  caso  devono essere
lasciati   abilitati  quelli  del  modulo  SCSI  Blizzard  e
dell'ultima  periferica  esterna  (che e' in fondo al cavo),
mentre    vanno   disinseriti   quelli   delle   periferiche
intermedie.  Il  numero  di  ID  non  ha nessun legame con i
terminatori  o  con  la posizione delle periferiche lungo il
cavo. E' una pura convenzione software, quindi la periferica
con l'ID piu' alto (possibilmente il lettore CD) puo' essere
indifferentemente la prima, al centro o l'ultima del cavo.

La  posizione  della  periferica  lungo  il  cavo  e' invece
fissata   dal   tipo  di  terminatori  e  di  revisione  del
protocollo   SCSI   supportato.   Si  deve  fare  una  prova
sperimentale,  ma  come  regola generale le periferiche piu'
lente  o  piu' vecchie vanno all'estremita' del cavo, mentre
quelle   piu'  veloci  e  nuove  devono  restare  vicino  al
controller.  In  questo  modo  il  controller  puo' usare un
valore   piu'   basso  per  lo  skew  delay  del  modo  fast
synchronous,   e   quindi   ottenere  migliori  prestazioni.
Asportare  i  terminatori  passivi  (i  classici  blocchetti
resistivi)  dalle  periferiche vecchie che vengono collegate
lungo  il  cavo, mentre all'estremita' e' meglio mettere una
periferica  SCSI2  con  i  terminatori  attivi abilitati. Il
drive  ZIP deve restare in fondo al cavo, perche' secondo le
nostre  prove la sua presa passante e' una fonte costante di
problemi.

E'  normale  che  il  controller Squirrel Classic provato da
Claudio  non dia nessun problema sulla stessa configurazione
che  mette in crisi il modulo della Blizzard. Squirrel e' un
controller  semplificato,  senza  gestione in multitasking e
autoconfigurazione,  che  usa  solo  un piccolo sottoinsieme
delle  funzionalita' previste dallo standard SCSI e lavora a
frequenze bassissime (circa 1 Mhz). Per questo motivo riesce
a  pilotare  agilmente anche dispositivi molto vecchi e poco
standard,  e  tollera  anche gli errori di collegamento piu'
clamorosi (terminatori infilati alla rovescia ecc.).

In  pratica suggeriamo a Pasquale Matta di verificare che il
suo  Quantum abbia i terminatori abilitati, ed eventualmente
di  sostituire  il  cavo  SCSI  di collegamento con l'Amiga.
Claudio Martinengo dovrebbe invece provare a disabilitare il
terminatore  del CD NEC ed abilitare quello dello ZIP, senza
toccare  i  numeri  di ID. Lo ZIP deve essere collegato alla
presa passante del lettore CD, e non direttamente all'Amiga:
se  si deve comprare un cavo nuovo, dev'essere il piu' corto
possibile   (50  cm  e'  l'ideale,  150  il  limite  massimo
invalicabile).


Main Previous Next