Altri articoli sul numero 83
 Articoli sullo stesso argomento

Marco   Castellani   chiede   se  e'  conveniente  espandere
ulteriormente  il  suo  A2000B  (accelerato con scheda combo
68030 GVP) con un controller AT-bus 2008.
Possiamo confermare a Marco che la sua scelta e' sicuramente
vantaggiosa, perche' permette il collegamento di periferiche
molto  piu'  economiche  di  quelle  SCSI  senza penalizzare
troppo le prestazioni.
Infatti, con l'unica eccezione dei recentissimi modelli 6x e
superiori,  i  lettori  CD  sono  piu'  lenti  di  qualsiasi
controller per Amiga correttamente installato e configurato.
Un'interfaccia  sofisticata  e  costosa come SCSI garantisce
una  gestione  piu'  semplice,  compatibile e versatile:  ma
nella velocita' non porta vantaggi rispetto ai lettori ATAPI
da poco prezzo.
Volendo  aggiungere  un lettore non SCSI sarebbe preferibile
acquistarlo   assieme  al  controller  e  all'indispensabile
device software, oppure con garanzia di permuta.  Si rischia
altrimenti  di  rimanere bloccati dalla scarsa reperibilita'
del  driver  ATAPI  specifico  per  il proprio controller, o
magari  da  un lettore CD che segue qualche variante esotica
dello standard.
Per quanto riguarda l'hard disk, e' chiaro che un controller
Zorro  2 (o anche PCMCIA) non potra' mai garantire la stessa
velocita'  del controller montato sulle schede GVP con SCSI,
quindi per ottenere le massime prestazioni bisogna orientare
l'acquisto su un costoso hard disk SCSI2 o SCSI3.
Infatti solo i controller Zorro 3, la porta SCSI2 di A4000 T
e  quelli  per  le migliori schede acceleratrici sono adatti
alle  applicazioni  multimediali:   garantiscono non solo un
tempo  di  risposta  rapido,  ma anche il pieno rispetto del
multitasking Amiga.
Molti  controller  IDE  (Tandem, Squirrel ...) sono privi di
caratteristiche importanti come l'autoboot.  Lo standard IDE
limita  il numero di hard disk a due per controller contro i
7  dello  SCSI, ma a differenza dei PC compatibili Amiga non
pone limiti logici al numero di controller installabili:  se
ne puo' mettere anche uno in ogni slot!
Tuttavia  gli hard disk attuali sono enormemente piu' veloci
di  quelli di qualche anno fa:  anche se viene strozzato dal
controller  economico,  un  qualsiasi  hard  disk EIDE nuovo
sara'  sicuramente  piu'  veloce  dei vecchi Quantum SCSI da
40-52-80 o 120 Mb.
In  conclusione,  per  chi  gia' possiede un buon controller
SCSI  l'acquisto  di  un  controller AT-bus "stupido" non e'
affatto  un'idea  bizzarra:   e' perfetto per raggruppare le
periferiche  di tipo lento come hard disk di backup e CD-ROM
non  interattivi  (come  quasi tutti quelli per Amiga).  Non
solo si ottiene un consistente risparmio, ma il prezioso bus
SCSI  resta  piu'  scarico  e  quindi  si incontreranno meno
problemi  nel collegargli le periferiche professionali e gli
hard disk veloci.  L'assenza di autoboot non e' un problema,
perche'  si  potra' continuare a fare il boot dal disco SCSI
preesistente.   Il  basso costo consente a chi non ha ancora
rinnovato una catena SCSI invecchiata di procurarsi un disco
EIDE piu' veloce di un vecchio Quantum da 40 Mb.
Inoltre,  la  presenza  di  due  controller  con  catene  di
periferiche  completamente  distinte  e'  un'ottima garanzia
contro la perdita di dati per guasti catastrofici.
Se  i  cavetti di alimentazione che escono dall'alimentatore
non  bastano, basta acquistare un cavetto sdoppiatore presso
qualsiasi negozio specializzato in assemblaggi PC.


Main Previous Next