Altri articoli sul numero 80
 Articoli sullo stesso argomento

Federico  Di  Stefano ci chiede come si fa a videoregistrare
le  immagini  prodotte da A1200, visto che i molti tentativi
effettuati  col  suo  videoregistratore  Toshiba  V509-T non
hanno  avuto  esito  positivo.   Ricordiamo  a  chi ci vuole
scrivere  per  risolvere  problemi  di  interfacciamento con
apparecchiature  video  di  allegare  sempre  fotocopie  del
manuale   che  illustrino  le  connessioni,  come  ha  fatto
Federico.   A  causa della varieta' di modelli in commercio,
cio'  e'  indispensabile  per ottenere una risposta completa
alle domande.
Innanzi   tutto,  quando  si  collega  una  qualsiasi  fonte
audio/video  al  videoregistratore attraverso la presa SCART
(euroconnettore),  bisogna  anche  commutarlo  in  modo A/V.
Normalmente  si fa con il telecomando del videoregistratore,
selezionando  il  canale indicato di solito come "0", "AUX",
"EXT"  o  "A/V".   Quando  il  videoregistratore funziona in
questa   modalita',   staccando   il   cavo   che   proviene
dall'antenna   e   sintonizzando   il   TV  sul  canale  del
videoregistratore  non  si  deve  vedere la "nebbia", ma uno
schermo nero.
Giunti  a  questo punto non resta che collegare l'Amiga alla
presa   SCART   del   videoregistratore.    Il   cavo  SCART
normalmente usato per il collegamento al TV di solito non va
bene,  perche' la porta a 23 piedini ("COMP") di Amiga porta
segnali    non    adatti   alla   grande   maggioranza   dei
videoregistratori.    Per   prelevare   l'uscita  video  RCA
dell'A1200  c'e'  bisogno di un cavetto con connettore SCART
da  un lato e terna di RCA dall'altro, del tipo per INGRESSO
video.   Ad  esempio,  va bene l'adattatore fornito di serie
con la console Playstation, ma non i cavi da SCART a RCA che
si usavano per i vecchi videoregistratori senza presa SCART.
Nel  dubbio, si puo' prendere un cavo SCART universale a sei
connettori e fare qualche prova.
Mentre  si  registra  il  monitor, genlock o TV devono sempe
restare  collegati  alla  porta video a 23 pin di Amiga, per
evitare  che alla registrazione si sovrappongano alonature e
momentanee sparizioni del colore dovute alla saturazione del
chip encoder PAL.  Infatti se il convertitore D/A non pilota
un  monitor  RGB (a livello elettrico e' assimilabile ad una
resistenza da 75 ohm collegata tra ciascuno dei segnali R, G
e B e la massa), restando senza carico eroga una tensione di
ampiezza doppia del normale che satura l'encoder.


Main Previous Next