Altri articoli sul numero 79
 Articoli sullo stesso argomento

Non  abbiamo  alcuna  intenzione  di  abbandonare  i  nostri
lettori   che   ancora   usano  gli  Amiga  500  e  2000  in
configurazione  base  o  quasi:   riteniamo che, pur entro i
limiti fissati dalla loro eta' e scarsita' di risorse, siano
macchine  tuttora  valide  e  produttive.  Il motivo per cui
vengono citate sempre piu' di rado su queste pagine e' molto
semplice:   la  maggior  parte  dei  loro problemi sono gia'
stati analizzati sui numeri pubblicati negli anni scorsi.
Molte  richieste  riguardano il modo migliore per aggiornare
il  computer, senza eccedere nella spesa e possibilmente con
componenti riutilizzabili sugli Amiga AGA.
Modulatore  TV  o  presa  videocomposita  RCA  da  collegare
all'ingresso  frontale  del TV sono piu' che sufficienti per
l'uso  occasionale,  ma  un  utilizzo  piu' serio dell'Amiga
richiede  maggiore  risoluzione  e  quindi  l'utilizzo di un
monitor  dedicato  o  di un cavo SCART RGB da collegare alla
porta  video  a  23  piedini.   Se un monitor a colori fosse
troppo   impegnativo,   un   vecchio   video   monocromatico
Apple2-CGA  del  tipo  con  ingresso  RCA  (la  stessa presa
rotonda  che  e' sull'Amiga) non costa quasi nulla e risolve
il problema.
Il  Kickstart  3.1  (o  almeno  il 2.1) e' la prima spesa da
affrontare  per  accedere  al  nuovo  software  e migliorare
nettamente   la   facilita'  d'uso.   Per  un  funzionamento
corretto  richiede pero' almeno 1 Mb di RAM complessiva e il
secondo  floppy  drive;  le funzioni piu' interessanti (come
messaggi  e menu' in lingua italiana) sono utilizzabili solo
possedendo  un RAM disk da 3Mb o meglio hard disk, che evita
complicate  procedure di selezione e compressione dei files,
piu'  altri  2  Mb  di  RAM  complessiva.   Il  chip set ECS
(Superdenise   e   il   nuovo   Agnus)   e'   utile  ma  non
indispensabile;   lo  stesso  si  puo'  dire  del  Kickstart
Switcher.  Visto il costo molto limitato del kit 3.1 e delle
espansioni  di  memoria  a  bassa capacita' per A500, questo
aggiornamento  non  dovrebbe  essere  fare  troppi  danni al
protafoglio.    Suggeriamo  di  comprare  il  kit  Kickstart
originale, per avere gli utili manuali in italiano.
Il  passo  successivo  e'  l'acquisto  dell'hard  disk e del
CD-ROM.    Il   controller   per   A500  non  potra'  essere
riutilizzato  sugli  altri Amiga, percio' deve costare poco.
Su  A2000 e' meglio scegliere un controller SCSI con zoccoli
SIMM  che  funzioni  bene quando non usa il DMA, come il DKB
Rapidfire  o  il  GVP  Series  II.   Non  avra'  prestazioni
eccelse, ma in futuro potra' essere facilmente trasferito in
un A4000 o qualsiasi altro Amiga con slot Zorro II.


Main Previous Next