Altri articoli sul numero 77

Quando   Luigi   Angelini   collega   il  modem  alla  spina
telefonica, sulla linea compare un forte ronzio che disturba
la   comunicazione  e  impedisce  il  collegamento  ad  alta
velocita'.  Inserendo un trasformatore separatore di rete il
ronzio  si  attenua  senza sparire del tutto:  ma solo se si
tiene  la  messa  a  terra del computer scollegata da quella
dell'impianto elettrico.
E'  un  problema  causato  da  un apparecchio con isolamento
difettoso,  che  si  manifesta perche' l'impianto di messa a
terra  e'  inefficente.   Senza  ulteriori prove non si puo'
escludere  che sia dovuto al monitor 1084S, all'alimentatore
del modem o a quello dell'A1200 stesso; potrebbe anche darsi
che  Luigi  stia  usando  un autotrasformatore (che presenta
continuita'  elettrica  tra primario e secondario), e non il
piu'  raro e costoso trasformatore.  Il ronzio e' la spia di
un   problema   grave,   perche'  significa  che  il  telaio
dell'Amiga  e'  a potenziale di rete!  In queste circostanze
non  bisogna  mai  staccare  o  riattaccare  alcun  cavo ne'
toccare  i  connettori  se  prima non si sfilano dalle prese
tutti  i  cordoni  di  alimentazione  del  computer  e delle
periferiche, pena una probabilissima bruciatura dei chip CIA
e al limite anche una bella "scossa".
Luigi  ipotizza  che  il ronzio e l'evidente difetto del suo
impianto  elettrico  di  casa  possano  essere  dovuti  alla
vicinanza  di  un traliccio dell'alta tensione.  Sicuramente
non   e'   quella   la   causa   del  mancato  funzionamento
dell'impianto  di  terra,  che  dev'essere  messo in opera e
controllato  periodicamente  da un elettricista qualificato,
capace  di  renderlo efficiente anche in queste circostanze.
Invece il campo elettromagnetico irradiato dai conduttori ad
alta   tensione   (o   da  trasmettitori  TV)  puo'  indurre
effettivamente   dei  ronzii,  ma  sarebbero  udibili  anche
sollevando la cornetta del telefono a modem scollegato dalla
linea telefonica.
Purtroppo  non  e' possibile individuare la causa del ronzio
senza  fare  misure.   Poiche'  si intensifica collegando il
conduttore  di  messa  a  terra, potrebbe essere colpa di un
elettrodomestico  in dispersione in qualche punto della casa
che   "inietta   il   ronzio"   sul   conduttore   di  terra
dell'impianto  domestico,  mentre il ronzio residuo potrebbe
essere causato da una periferica dell'Amiga.
Qualche  semplice  prova  chiarira' la situazione.  Si parte
collegando  il  telefono  alla  presa posteriore "phone" del
modem  oppure in parallelo ad esso, direttamente sulla presa
Telecom  (i  cavetti  adattatori  e  sdoppiatori  si trovano
facilmente).  I cavi dell'alimentatore e della porta seriale
sul  retro  del modem devono essere lasciati scollegati.  Se
sollevando  la  cornetta  si  puo'  gia' udire il ronzio, la
colpa  e'  della linea Telecom o del modem stesso.  A questo
punto inserire il solo spinotto di alimentazione del modem e
accenderlo:   se  il ronzio riappare occorre un alimentatore
nuovo  (o  un  TSI  dedicato  a lui), altrimenti spegnere il
modem  e  collegare  il  cavo  seriale  all'Amiga (lasciarla
spenta ma con la spina inserita nella presa).
Ora  il  ronzio dovrebbe essere evidente:  per discolpare il
monitor non resta che staccare la sua spina a 220v e il cavo
video (sempre a computer spento).  Se il ronzio non sparisce
il  colpevole  e' l'alimentatore dell'A1200:  scollegando lo
spinotto  dal  retro  dell'Amiga  si  dovrebbe  ottenere  la
conferma.   Un  nuovo alimentatore e' necessario anche se il
ronzio  si  manifesta  solo  a  computer  acceso  e  monitor
scollegato.
Un  altro  disturbo  che puo' causare errori di trasmissione
con  i  modem  ad alta velocita' e' l'impulso a 12Khz che la
centrale Telecom invia al contascatti durante la telefonata:
la  sua  ampiezza e' sempre generosa, e se la distanza dalla
centrale  non  e'  molta  puo' facilmente saturare lo stadio
analogico  dei  modem  meno  costosi.   Per riportarlo ad un
livello   normale,  di  solito  basta  collegare  un  comune
condensatore   al   poliestere   da   250V   100   nanofarad
direttamente   tra   i   due   fili   della   linea  Telecom
(eventualmente  si puo' inserire dentro alla spina del modem
stesso, in modo da non manomettere l'impianto).
I  fili  del  telefono  non  potrebbero  essere posati nelle
stesse  canaline  di  quelli  dell'impianto elettrico, e non
dovrebbero neppure correre affiancati per lunghi tratti, per
evitare  l'induzione  di disturbi impulsivi e ronzii udibili
anche nelle normali conversazioni telefoniche.


Main Previous Next