Altri articoli sul numero 75
 Articoli sullo stesso argomento

Eugenio  Palomba  non  e'  riuscito  a far funzionare il suo
CD-ROM SCSI collegato ad una scheda Blizzard 1230II completa
di  kit SCSI.  Il programma SCSIConfig-2 in dotazione con il
controller non rileva dispositivi validi, e comunque l'icona
del    CD-ROM    non   appare   sul   Workbench.    Tuttavia
all'accensione  dell'A1200  si accende brevemente la spia di
attivita'   del   CD,   che   sembra  indicare  un  corretto
funzionamento hardware.
Quando  il  cablaggio  SCSI  e'  lungo e complicato, come in
questo  caso,  per  prima  cosa  bisogna controllare che sia
correttamente  realizzato.   Una  prova  istantanea consiste
nell'osservare  il  comportamento  del  lettore  (con  un CD
caricato)  quando al boot Amiga cerca la presenza degli hard
disk:   se  il  disco  si  mette in rotazione per un attimo,
probabilmente il collegamento hardware e' corretto.
Per  avere  la  conferma  (e  assicurarsi  che il controller
supporti   i   lettori   CD),  bisogna  usare  un  programma
diagnostico  come  ProbeSCSI o Sysinfo.  Marca, modello e ID
SCSI  del lettore devono essere chiaramente indicate; se non
lo fossero le soluzioni piu' comuni sono tre:
1)  Cambiare  l'ID  SCSI del lettore, che potrebbe essere in
conflitto   con   quella   del   controller  o  di  un'altra
periferica.   Scegliere un numero alto, ad esempio 6.  Se il
CD  e'  all'estremita'  finale  del  cavo SCSI, deve avere i
terminatori inseriti.
2)  Se  il CD e' del tipo interno (come nel caso di Eugenio)
controllare  che  il  verso di inserzione della piattina sia
quello  giusto,  specialmente  se  il  cavo e' autocostruito
oppure  privo  di  chiavette di polarizzazione.  Il pin 1 e'
indicato   dalla   striscia  colorata  sul  cavo,  mentre  i
connettori   a  50  pin  dovrebbero  avere  una  numerazione
chiaramente stampata sul corpo o sul circuito stampato.  Non
affidarsi  al  caso e controllare tutto due volte:  infilare
alla  rovescia una piattina SCSI puo' provocare gravi danni,
e  comunque  blocca  tutte  le periferiche sul bus.  Il cavo
potrebbe  anche  essere difettoso, con uno o piu' conduttori
che fanno cattivo contatto.
3) A volte il controller SCSI non supporta i lettori CD:  e'
solo  un  hard-disk  adapter.   Fare il boot senza il CD nel
lettore  puo' sbloccare qualche controller che interrompe il
boot, ma ci sono casi (non questo) senza soluzione.
Dopo  aver  verificato  che  il  lettore viene visto a basso
livello,   bisogna   procedere  all'installazione  software.
Infatti  il CD e' completamente diverso da un hard disk, pur
avendo    la    stessa    interfaccia.    I   programmi   di
partizionamento  e  installazione  degli  hard disk sono del
tutto inutili per i CD-ROM.
Solo  CDTV  e  CD32 hanno una ROM Kickstart che gestisce sin
dal  boot  il lettore di CD incorporato, mentre in tutti gli
altri   Amiga   bisogna   installare   il  "filesystem  ISO"
necessario per far riconoscere ad AmigaDOS i CD (non occorre
altro  software,  a  meno che si vogliano usare certi titoli
CD32 e CDTV).  Una versione non particolarmente efficente e'
fornita di serie nel Workbench 3.1, ma esistono due versioni
PD piu' versatili reperibili su Aminet.  I filesystem a piu'
alte prestazioni sono commerciali (Asim, Babel, Cache ecc).


Main Previous Next