Altri articoli sul numero 72
 Articoli sullo stesso argomento

Nella classifica dei componenti che si guastano piu' spesso,
mouse e floppy drive occupano stabilmente i primi posti.  E'
comprensibile,   visto   che   sono  periferiche  meccaniche
soggette  ad  usura,  tuttavia  ultimamente  sta  diventando
difficile trovare ricambi originali.
Per  il  mouse  il  problema  e' solo apparente, e soluzioni
alternative  non mancano.  Mouse specifici per Amiga vengono
prodotti anche da Primax e Logitech, quindi se il prezzo non
e'  un  problema  (e ci si accontenta di quei modelli un po'
anonimi)  si  possono  comodamente  ordinare anche presso il
negozio di PC compatibili sotto casa.
Amiga  supporta perfettamente i comuni trackball e mouse per
porta  seriale usati sui PC:  basta caricare un mouse driver
di pubblico dominio.  I mouse seriali PC seguono tre diversi
standard,   quindi   bisogna  scegliere  il  driver  giusto:
Optmouse  di Edward Hanway gestisce i mouse a tre bottoni in
standard Genius/MouseSystem; LogiMouse di Simon Richardson i
mouse  Logitech  a  tre  bottoni,  e infine SerMouse di Eric
Krieger   gestisce   i   mouse  a  due  bottoni  compatibili
Microsoft,  che  oggi  rappresentano  la quasi totalita' dei
modelli  economici  in  commercio.   Naturalmente  il  mouse
dovra'  essere  collegato alla porta seriale di Amiga con un
adattatore  da 9 a 25 pin (a volte e' fornito con il mouse),
e  conviene  usare  le  ultime  versioni  del  programma (ad
esempio,  con  la  prima  versione  di  Optmouse i movimenti
avvenivano a scatti).
Optmouse  lascia  attivo  il mouse originale anche mentre si
usa  il  nuovo  mouse, quindi abbinato con un mouse PC senza
filo  e'  una  buona  soluzione  per  presentazioni  e altri
compiti particolari.  Il mouse PC non viene visto dai giochi
che  fanno  accesso  diretto  all'hardware  (ad  esempio per
controllare  la  pressione  dei  bottoni).   Il mouse driver
seriale,  non  essendo  incluso  nelle  ROM  di  Amiga,  non
consente l'uso del mouse PC nel bootmenu del Kickstart e per
far sparire il messaggio di "guru meditation".
In alternativa si puo' provare a riparare il mouse originale
(di  solito  si  rompe  il  cavo  o  i  pulsanti,  che  sono
componenti  standard)  o a modificare un mouse di tipo "bus"
come spiegato sul numero 43.
Per il floppy drive la situazione e' meno buona.  La maggior
parte  dei  comuni  drive  PC,  anche ad alta densita', puo'
funzionare come drive 880 Kb Amiga purche' venga cambiata la
posizione  dei  loro jumper.  Devono essere configurati come
unita'   0  (i  PC  li  usano  sempre  come  unita'  1,  per
compatibilita'  con  il  cavo del drive da 160Kb dell'IBM PC
originale)  e  deve essere abilitata la gestione del segnale
diskchange  secondo  le  convenzioni  Amiga.   Non  tutti  i
modelli  di produzione recente lo consentono, in particolare
per  quanto  riguarda la gestione del segnale diskchange che
potrebbe richiedere modifiche a jumper interni.
Il  progetto  hardware  citato  da  Paolo  Sarego  nella sua
lettera,  che  e'  apparso  quasi  un anno fa sulla raccolta
Aminet,  permette  di  collegare  un  drive  HD IBM ad Amiga
sfruttandolo   come  drive  ad  alta  densita'  in  standard
Commodore.   Lo  schema  sembra  corretto,  tuttavia  non e'
semplice  da costruire e la modifica funziona esclusivamente
con  drive  di  marca  e  modello  identici  a  quello usato
dall'autore.   Difatti altri drive usano circuiti di comando
del  motore  non  basati su una frequenza di clock applicata
esternamente,   e   quindi   richiederebbero   un   circuito
differente per dimezzare la velocita' di rotazione.


Main Previous Next