Altri articoli sul numero 72
 Articoli sullo stesso argomento

Giancarlo  Landi chiede come si puo' aggiungere un hard disk
interno  da 2.5 pollici al suo A1200 gia' espanso con il kit
esterno  Simula.   Le  difficolta' riguardano soprattutto la
realizzazione  pratica, perche' dal punto di vista elettrico
basta  collegare  in  parallelo  il connettore a 44 poli del
Simula  con  la  piattina  per  l'hard  disk da 2.5 pollici,
ricordandosi  di  configurare un hard disk come master e uno
come slave.  Puo' essere necessario disabilitare il circuito
del  Simula che si occupa di aumentare la compatibilita' con
i  vecchi  hard  disk  AT-bus  poco standard, quindi bisogna
essere  certi  che  entrambi  gli hard disk installati siano
modelli  recenti.   La  piedinatura  dei connettori e' stata
pubblicata sul numero 51.
Inoltre   Giancarlo   ha   sostituito  il  quarzo  originale
dell'Amiga  con uno a frequenza lievemente superiore, e teme
che sia questo il motivo dei saltuari errori di sistema e di
lettura  dai  floppy.   In generale, sovracloccare gli Amiga
privi  di  scheda  CPU o acceleratrice non e' una buona idea
perche'   si   manifestano  problemi  di  compatibilita'  in
aggiunta  alla  ovvia  possibilita'  di  surriscaldamenti ed
errori,   propria   di   ogni  overclock  non  perfettamente
riuscito.  In particolare nel caso di A1200 e A500 il quarzo
alimenta  anche  i chip custom:  quindi l'A1200 di Giancarlo
genera  una  frequenza  di  sincronismo  superiore  a quella
standard  (un  TV potrebbe non sopportarla, ma un monitor e'
piu'  elastico).  Cio' significa anche che cambiano tutte le
temporizzazioni  dell'audio e del blitter, e qualche gioco o
demo particolarmente esigente potrebbe non gradirlo.
La  tabella  completa  degli  errori  di sistema occuperebbe
troppo  spazio  su  queste  pagine,  e comunque su Aminet e'
disponibile   una   versione   interattiva.   L'errore  piu'
frequente e' 80000004, che al di la' del significato preciso
significa  ...   che  un programma ha deragliato e non si sa
perche'.  Quando accade in maniera casuale mentre il sistema
operativo e' attivo, di solito e' dovuto a miscugli di parti
di  Workbench appartenenti a versioni diverse o problemi dei
programmi caricati al boot:  si puo' provare reinstallare il
Workbench    togliendo   tutte   le   commodity   attive   e
ripristinando startup-sequence e user-startup originali.  Se
il  problema  sparisce si possono aggiungere i programmi uno
alla volta.
Se invece il blocco si verifica anche quando si usano giochi
che  fanno il boot da dischetto, potrebbe essere un problema
hardware.
Anche  il  problema  di  lettura  dai  floppy  lamentato  da
Giancarlo   puo'   dipendere   dall'overclock,   perche'  il
demodulatore di Paula e' costretto ad agganciarsi al segnale
proveniente  dal  dischetto  partendo  da un punto di riposo
piu'  lontano  di  quello  originale.   Tuttavia il problema
della  sezione  floppy  piu'  grave  riguarda  la scrittura:
tutti  i dischetti verranno scritti con bit leggermente piu'
stretti  del  normale,  e  cio'  potrebbe  dare  problemi di
lettura  su  altri  drive  o  se  si  decidesse di rimuovere
l'overclock.
Comunque,  se Sysinfo indica sul proprio Amiga una frequenza
di clock leggermente piu' alta di quella normale non c'e' da
preoccuparsi,  perche'  il calcolo della velocita' e' sempre
approssimativo  e  soggetto  a  errori.   Per  levarsi  ogni
dubbio,  basta aprire l'A1200 e verificare che il quarzo sia
da 28.37515 Mhz.
E'  inutile  chiederci  se  una  certa  scheda potra' essere
sovracloccata   e   fino   a   che   frequenza   funzionera'
correttamente:   non  si puo' rispondere, perche' dipende in
modo totalmente casuale dalla particolare configurazione del
sistema  e  dai  chip  installati.   C'e'  chi  riesce a far
funzionare  il  suo  A4000  a  33  Mhz  per  piu'  di 10 ore
consecutive  e chi si ferma a 25 Mhz o 28 Mhz; molto dipende
dalle schede installate.


Main Previous Next