Altri articoli sul numero 72
 Articoli sullo stesso argomento

Antonio  Giordano  teme  che  l'alimentatore  del  suo A1200
(espanso  solo  con un hard disk interno da 2.5'') stenti ad
accendersi  perche' di potenza insufficiente, chiede percio'
quali  componenti  devono essere potenziati per risolvere il
problema.   La  diagnosi e' probabilmente sbagliata, infatti
il  funzionamento  con  il solo hard disk da 2.5'' e' sempre
garantito  anche  dall'alimentatore  piu'  debole tra quelli
usati  da  Commodore.   Il  fatto  che  si  accenda dandogli
qualche  colpetto  e'  la  prova  che si tratta di un banale
guasto  (potrebbe  essere  una saldatura fredda), non di una
incompatibilita'.
Commodore  non produceva gli alimentatori, ma si limitava ad
inserire  all'interno  del  guscio di plastica i circuiti di
acquistati  di  volta  in  volta  da fornitori diversi.  Per
questo  motivo  esistono  decine di circuiti diversi, piu' o
meno  validi, che per essere potenziati richiedono modifiche
differenti:   solo  per esaminare gli schemi piu' comuni non
basterebbe meta' rivista.
In  genere  l'elemento  critico  che limita la potenza e' il
trasformatore,   che  potrebbe  essere  sostituito  con  uno
potenziato  solo nei modelli in cui e' del tipo tradizionale
a  50Hz  (cioe' negli alimentatori "pesanti"), accompagnando
la  modifica  con  la  sostituzione  di alcuni componenti di
contorno per adeguare il circuito alla nuova potenza.  Sugli
altri   Amiga  si  usano  trasformatori  ad  alta  frequenza
costruiti su misura, quindi la sostituzione e' impossibile.
Sia  lo  studio  dei  circuiti  che  le  prove  sperimentali
condotte  su  tre diversi modelli di alimentatori per A500 e
A590   hanno   dimostrato   che   e'  perfettamente  inutile
maggiorare  i  condensatori  di  filtro  o  il transistor di
potenza.   Pero' e' stato possibile ottenere qualche piccolo
miglioramento  di  qualita' sulle tensioni a +12V e -12V nei
modelli  dove  sono  ricavate da regolatori a tre terminali,
sostituendo  gli  antiquati  UA7812 e UA7912 con equivalenti
moderni  a  bassa caduta di tensione e tolleranza ristretta;
inoltre  in alcuni alimentatori e' possibile regolare meglio
il trimmer che fissa il valore delle tensioni di uscita a +5
e +12V.  L'effettiva utilita' di questa messa a punto, al di
la' del miglioramento strumentale, e' dubbia.


Main Previous Next