Altri articoli sul numero 70
 Articoli sullo stesso argomento

Corrado   Greco   ha  incontrato  problemi  passando  da  un
controller   GVP   a  quello  della  SuperBigBang  Hardital;
Vittorio  Topatino  si  e'  trovato in condizioni simili, ma
vorrebbe conservare il controller GVP evitando di acquistare
quello Hardital.

Il  motivo per cui HDtoolbox non riesce a funzionare neanche
indicando   nel   tooltype   il  nome  del  device  corretto
(syndisk.device,   come   nella   maggioranza  dei  prodotti
Hardital) e' dovuto al fatto che la ROM del controller della
SBB  non supporta integralmente le specifiche RDB Commodore.
Questo  e'  anche  il  motivo per cui collegando l'hard disk
precedentemente   formattato   con   il  controller  GVP  le
partizioni  risultano  illeggibili.  Anche una cartuccia per
drive  rimovibile  formattata su altri controller facilmente
non verra' riconosciuta dalla SBB.  Bisogna ricreare da zero
le   partizioni   e   riformattare.    Gli   ultimi  blocchi
dell'ultima  partizione  di  Corrado  non  sono  accessibili
perche'  nella definizione del disco e' stato specificato un
cilindro  di  troppo:   durante il ripartizionamento si deve
diminuire  di  un'unita'  il  numero  di  cilindri del drive
oppure lasciare inutilizzato l'ultimo.

Avendo  voglia  di fare qualche conto, e' possibile limitare
lo  spreco  di  spazio  calcolando in maniera intelligente i
parametri  del  disco  SCSI  (al  contrario  di  Faastprep e
HDtoolbox!).  Con un diagnostico come ProbeSCSI o Sysinfo si
deve   scandire  la  catena  SCSI  e  leggere  il  parametro
Maxblocks  del  drive;  quindi  lo  si divide in fattori per
scomporlo  nel  prodotto di tre numeri, che rappresenteranno
il  numero  di  cilindri,  testine  e  settori  fittizi  (il
prodotto  puo'  anche  essere inferiore al numero di blocchi
disponibili).   Il numero di testine moltiplicato per quello
di settori deve possibilmente dare un risultato compreso tra
50  e 200 (meglio nell'intorno di 100), e quello di cilindri
dovrebbe  essere minore di 65000:  ad esempio per il Quantum
Lightning  730S  di  Vittorio  i parametri ottimi sono 22371
cilindri, 2 testine, 32 settori.

Ora   basta   introdurre   i   numeri   nel   programma   di
formattazione, tenendo presente che usando HDtoolbox bisogna
riselezionare  ogni  casella e ripremere [enter], altrimenti
vengono forniti risultati sbagliati per la capacita'.

E'  normale  che  i  diagnostici  come Sysinfo elenchino col
controller  della  SBB  tutti  i  numeri di ID anche se solo
alcuni  sono  usati:   cio'  dipende  da una semplificazione
innocua  del  protocollo  decisa da Hardital.  Il controller
supporta  i  CD-ROM,  ma  e'  necessario rimuovere il CD dal
lettore  prima  del boot, infatti (solo durante la scansione
del bus) syndisk.device non gestisce i blocchi di dimensione
inusuale dei CD e si inchioda.

I  controller  GVP  series  II  (essendo  in DMA) non sempre
funzionano   in  abbinamento  alle  schede  68030  Hardital:
occorre  una  prova  diretta,  ed  in  caso di problemi puo'
essere   necessario   cambiare   il   parametro  Mask  delle
partizioni come spigato nei mesi scorsi.

La ROM  upgrade per GVP  verra'  recensita prossimamente.  I
controller  Series  II, A2091 e A590 sono dei semplici SCSI,
ma  capaci di pilotare la maggior parte degli hard disk SCSI
II.


Main Previous Next