Altri articoli sul numero 68
 Articoli sullo stesso argomento

Mariano  Brandoli chiede infine se e' possibile collegare il
monitor  multiscan  Microvitec  1438  a  schede  S-VGA  e ai
PowerMacintosh.

Si  puo'  fare  senza  difficolta':   nel  caso delle schede
S-VGA,  o  delle  schede  grafiche per Amiga, e' sufficiente
lanciare  il  programma  di  configurazione  della  scheda e
scegliere  la  frequenza  piu'  adatta per ciascuno dei modi
video   disponibili.   Normalmente  vanno  bene  gli  stessi
parametri del NEC Multisync 3D.

Per i PowerBook e tutti i Macintosh piu' recenti invece c'e'
bisogno  dell'adattatore  per convertire il connettore della
porta  video  Macintosh  in connettore VGA.  Si tratta di un
semplice  cavetto normalmente in commercio, il cui schema e'
reperibile    anche    nel    pubblico   dominio.    L'unica
particolarita' consiste nel fatto che (sulla quasi totalita'
dei Macintosh) risoluzione e frequenza vengono stabilite dal
modo in cui sono collegati tra loro alcuni piedini ausiliari
della   porta   video.    Cio'  consente  la  configurazione
automatica  dei  monitor  Apple  a risoluzione fissa; ma nel
caso  di un monitor multiscan, invece di sperimentare con un
programma  come  su  Amiga,  si  devono trovare le frequenze
migliori armeggiando su dei ponticelli.

Un  trucco  per  aumentare  la resa delle videoregistrazioni
realizzate   prevando   il   segnale   PAL   dal  connettore
videocomposito  di  A1200,  e ottenere una qualita' simile a
quella   disponibile   con  il  CD32,  consiste  nel  tenere
collegato  il  monitor RGB alla porta video.  In questo modo
gli ingressi dell'encoder RGB interno vengono terminati a 75
ohm  come  richiesto  dalle  specifiche  di funzionamento, e
quindi  non  si  rischia  il  loro sovrapilotaggio che causa
colori smorti e sbavati.


Main Previous Next