Altri articoli sul numero 67
 Articoli sullo stesso argomento

Andrea  Brilli  e'  perplesso  perche'  il  negozio  che  ha
installato  l'hard  disk  nel  suo  A1200 ha creato una sola
partizione,  invece  delle  Work:  e Workbench:  consigliate
dal  manuale.  La risposta ottenuta dall'installatore e' che
in  questo  modo  si  risparmia  memoria, ma Andrea teme che
copiando  dati  e  programmi  nella  stessa  partizione  del
sistema   operativo  si  possa  andare  incontro  a  qualche
problema.

L'installatore  ha  perfettamente ragione:  creando una sola
partizione  si  risparmia  la memoria che altrimenti sarebbe
servita  per  i  buffer della seconda partizione.  Tuttavia,
poiche'  per  una  partizione  possono bastare anche solo 30
buffer  (15Kb),  il  risparmio puo' rivelarsi modesto; ma ai
fini  delle  prestazioni  di solito e' meglio avere una sola
partizione con molti buffer piuttosto che due con pochi.

Come  spiegato su Amiga Magazine 55, una partizione andrebbe
creata  solo  per  separare  zone del disco destinate ad usi
diversi:   ad  esempio  una partizione per i programmi quasi
mai  modificata  e  una  per i dati in perenne mutamento (la
partizione  Work:   suggerita da Commodore).  Solo in questo
caso il partizionamento influenza le prestazioni.

In  tutti  gli  altri casi e' inutile creare piu' partizioni
per  tenere divisi anche fisicamente i dati, basta dividerli
logicamente  tenendoli  in  buon  ordine.   Per fare cio' e'
sufficiente   creare   un   cassetto   (poniamo   si  chiami
DH0:Lavori) ed estrarlo sul Workbench con l'apposito comando
del  menu'  Icone.   Mentre e' ancora selezionato, usando il
comando  Fissare lo si blocca sulla scrivania.  Volendo, ora
si   puo'  usare  IconEdit  per  caricare  l'icona  di  nome
DH0:disk.info, trasformarla nel tipo "Cassetto" con il menu'
Tipo  e  salvarla  con  il nome DH0:Lavori.info .  In questo
modo  si  sovrascrive  l'icona a forma di cassetto con una a
forma di hard disk.

Per  concludere l'opera di creazione della pseudo-partizione
non  resta  che aggiungere in testa al file user-startup che
si trova nella directory dh0:s questa riga:

 assign Lavori: DH0:lavori

D'ora   in   avanti   sul   Workbench   sara'  visibile  una
pseudo-partizione di nome Lavori:  in cui si possono mettere
tutti  i  files che Commodore suggerisce di mettere in Work:
con   lo  stesso  ordine  e  facilita'  di  accesso  di  una
partizione vera, ma senza lo spreco di memoria.


Main Previous Next