Altri articoli sul numero 66

Alberto  Guindani chiede come puo' collegare al suo A2000 il
drive  e  la  stampante  del  glorioso  Commodore  64.   Sia
l'emulatore  C64  della  ReadySoft che quello shareware (A64
V.2,  sui  fish disk) supportano bene sia 1541 che plotter e
stampanti seriali, da collegare con un apposito cavetto alla
porta  parallela  di Amiga.  Secondo quanto dichiarato dalla
persona  che  lo  ha  diffuso  in Aminet (per aiutare chi ha
perso  l'originale  venduto  con l'emulatore), lo schema del
cavo  ReadySoft  e'  quello in figura 1.  Lo stesso cavo era
descritto  nella  documentazione  di  un  printer driver per
MPS803  rilasciato  anni  fa  nel  pubblico  dominio, ma che
funziona  esclusivamente  (e  in  modo  traballante)  con il
Kickstart  1.2.   Le  interfacce  hardware per convertire il
protocollo  seriale  Commodore  in  parallelo Centronics non
sono  piu' in commercio, visto che il loro costo supererebbe
il valore della stampante.

In definitiva, non e' possibile riutilizzare direttamente da
AmigaDOS  la  stampante del C=64 e il simpatico mini-plotter
solo  perche'  manca  il  software  di  gestione:   un vuoto
abbastanza incomprensibile, vista la completa documentazione
del   protocollo  e  il  semplicissimo  cavetto  necessario.
Invece  l'utilizzo del 1541 direttamente da AmigaDOS sarebbe
assurdo,    a    causa    dell'insopportabile   lentezza   e
insufficiente capacita'.  Volendo riciclare i dischetti da 5
pollici,  per  meno  di  15000  lire  ci  si  puo' procurare
facilmente  un  floppy drive IBM da 360Kb (sarebbe meglio da
1.2Mb),  che  e' 10 volte piu' veloce del 1541.  Puo' essere
facilmente  collegato  ad  Amiga  e  visto come floppy drive
standard, costruendo l'interfaccia descritta sul numero 41.

Il  mouse  Commodore per C64 si puo' collegare alle porte di
Amiga senza modifiche.  In modo joystick ("digitale") agisce
esattamente come sul C64, in modo mouse ("proporzionale") si
comporta   come   un  joystick  analogico  e  come  tale  e'
utilizzabile   da   tutti   i   giochi  che  lo  supportano.
Differisce dal mouse Amiga solo per la schedina elettronica,
che  e'  completamente  diversa,  e  a  volte  anche  per  i
pulsanti:   quindi  e'  anche  una  buona  fonte di ricambi.
Invece i CIA di C64 e C128, pur avendo la stessa piedinatura
di  quelli Amiga, sono piu' lenti e su Amiga funzionano male
(ma non danneggiano la motherboard).

I  monitor  a  colori  Commodore per C64 sono riutilizzabili
come  monitor  PAL con ingresso SuperVHS:  basta costruire o
acquistare  il  cavetto  che  converte  le antiche prese RCA
nella  nuova  presa  S-VHS  a  4 poli oppure SCART.  Possono
trovare   una   collocazione   come   TV   abbinati   ad  un
videoregistratore  o  al  decoder  Telepiu',  che  esegue le
funzioni  di  telecomando  e  sintonia,  ma si possono anche
usare  con un A1200 o un CDTV (conviene ritoccare il comando
di  focalizzazione  interno).  Quelli a colori non danno mai
immagini molto nitide, al contrario dei B/N.

Volendo  collegare  uno di questi monitor B/N all'A1200, per
evitare   disturbi  (retinature  e  sbavature)  dovuti  alle
informazioni  cromatiche presenti sull'uscita videocomposita
RCA  di A1200 si deve costruire il cavetto RGB/RCA descritto
sul  numero  46.   Nel  caso  di  CD32 basta usare il solito
cavetto  adattatore  SVHS-RCA  collegando al monitor il solo
spinotto della luminanza.

Infine,  anche  l'alimentatore  del C64 si puo' riutilizzare
per alimentare un lettore CD-ROM o hard disk esterno.  Basta
costruire l'economico schema di figura 2, che e' un semplice
duplicatore di tensione seguito da uno stabilizzatore a 12V.
L'alimentatore  ottenuto  con  questo  schema e' in grado di
erogare 1.5 A a +5V e 0.5 A a +12V.


Main Previous Next