Altri articoli sul numero 62
 Articoli sullo stesso argomento

Fabrizio  Rizzo,  Vincenzo  Corona,  Daniele  Franza e tanti
altri   chiedono  come  inserire  un  A1200  in  un  cabinet
minitower per PC.  Ormai vengono importati kit gia' completi
di  tutto,  ad esempio il cabinet Micronik:

	MicroniK Computer Service
	Manfred Kotulla
	Bueckenstrasse 2
	D-51379 Leverkusen-Opladen

	tel. 02171-28 386
	fax +49-2171-28 389

Distribuito da:
	Db-Line srl
	V.le Rimembranze 26/C
	Biandronno (VA)
	tel. 0332/819104
	help-line 0332/767383

L'autocostruzione  ha senso solo per risparmiare, accettando
qualche  compromesso  (altrimenti  costa  meno  il  kit).  I
cabinet   minitower   e  desktop  sono  troppo  piccoli  per
contenere  comodamente  la scheda di A1200; per il trapianto
conviene  acquistare  un  cabinet  tower  da  pavimento o un
midtower.   Va bene anche un bigdesktop, largo come l'enorme
IBM AT originale.

Se  l'alimentatore del cabinet e' vecchio oppure e' un "made
in  taiwan"  senza  marca, prima di usarlo bisogna dargli un
carico  (ripartito  sulle linee a +5V e +12V) corrispondente
ad almeno un decimo della sua potenza massima; in molti casi
il  carico  minimo  e' direttamente riportato sull'etichetta
dell'alimentatore.

Con  carico  inferiore  l'alimentatore e' ipersensibile agli
sbalzi  di tensione, genera tensioni afflitte da rumore e al
limite non si accende neppure.

Invece  di  tagliare  i  connettori  dell'alimentatore nuovo
conviene  costruire  una basetta con il relativo maschio; lo
spinotto  quadrato  Amiga  e'  distribuito  da Elcart come i
connettori  video  e floppy a 23 pin (attualmente in fase di
esaurimento scorte).

Sono  necessari  per  costruire  prolunghe  che  riportano i
connettori posteriori sugli appositi fori del cabinet vicini
all'aminentatore.  Per seriale e parallela conviene usare un
cavo  piatto  e  connettori  a crimpare, cosi' l'ingombro e'
minore.

Non  ha  senso costruire anche il convertitore di protocollo
per  usare una tastiera PC:  allora converrebbe comperare il
kit!  Meglio conservare la tastiera originale costruendo una
prolunga per il suo cavo.

Bisogna  acquistare  uno  spezzone  di  cavo piatto stampato
uguale  a  quello  che esce dalla tastiera, due prese per il
suddetto  (si  trovano  anche  nel surplus, dentro ad alcune
tastiere),  un  metro  di  cavo  multipolare  schermato  (ne
esistono di diametro inferiore ai 5 millimetri) e una coppia
maschio-femmina  di  connettori multipolari rotondi.  Alcuni
lettori  hanno  lamentato  la scarsa reperibilita' di questi
cavi  e  connettori,  che  pero' sono sul catalogo di alcuni
distributori (p.  es.  RS components, 02-27.475.475; Elcart)
e  i  negozi  di  materiale  elettronico li possono ordinare
senza problemi.

Il cavo schermato costituira' il cordone della tastiera:  da
un  lato si salda alla spina multipolare volante, dall'altro
alla  presa  piatta per lo stampato che esce dalla tastiera.
La  scatola  puo' essere quella originale di A1200 oppure si
puo' ricavare con parecchio lavoro da una per PC, tappando i
fori in eccesso con stucco per carrozziere e riverniciando.

Nel cabinet PC si fissa infine la presa multipolare tonda da
pannello,  da  collegare  con corti fili all'altra presa per
cavo   stampato  che  accoglie  lo  spezzone  che  porta  al
connettore  sulla motherboard.  A questo punto non resta che
forare  il  telaio  del  tower  per inserire i distanziatori
della  motherboard.   Ricordarsi  di non accostare troppo la
motherboard ai tappi degli slot in modo da poter infilare in
seguito i connettori delle prolunghe.

Attenzione  anche  a  non  fare  corti  con  le  piste con i
distanziatori  metallici (meglio usarne uno solo per portare
la  massa  sul cabinet, tutti gli altri dovrebbero essere di
nylon)   e   a   lasciare  una  zona  di  sicurezza  attorno
all'interruttore della 220V.

Il  cavo  per  il df0:  si ricava da uno per compatibili (il
connettore   in   piu'  si  puo'  tagliar  via),  mentre  la
mascherina  per  il  df0:  va tolta da un drive Chinon PC in
disuso.   Se  si vuole installare internamente anche il df1:
bisogna   collegarlo  alla  solita  presa  posteriore  della
motherboard,  tramite il circuito elettronico gia' descritto
su  Amiga  Magazine  (o  estratto  da  un drive esterno gia'
posseduto).  Non si puo' collegare allo stesso cavo del df0:
perche' non funzionerebbe.


Main Previous Next