Altri articoli sul numero 54
 Articoli sullo stesso argomento

Leonardo   Isidori   si   lamenta   per   le  "strane  righe
sfarfallanti" che appaiono solo nei modi Multiscan 640x480 e
DoublePAL  (ma  non  durante l'uso di A-MAX) sul suo monitor
Mitsubishi  EUM 1481 collegato ad un A1200.  L'accoppiata di
questo  monitor  con  Amiga  e' un classico sin dai tempi di
A3000,  perche'  e' uno dei pochissimi multiscan che oltre a
visualizzare   tutte   le   risoluzioni  ha  anche  ingressi
videocomposito e a componenti.

I  driver  posti nel cassetto Monitors sono stati realizzati
per  essere  compatibili  con  la  maggioranza  dei  monitor
multiscan della prima generazione, non solo con i Commodore;
le  procedure  da  seguire per ottenere i migliori risultati
sono sul numero 52 di Amiga Magazine.

Le  tre parole con cui Isidori descrive il problema non sono
di  grande  aiuto  nel capire la causa, anche perche' non ha
fornito  alcun dato sulla configurazione e revisione del suo
A1200.   Non  pretendo  le  foto  dello  schermo, ma per una
risposta  risolutiva  e' indispensabile allegare un po' piu'
di  dati,  e descrivere con precisione e attenzione quando e
come  il  problema  si  manifesta  e  quali prove sono state
fatte.   Le  domande  corredate  di  dati  completi hanno la
precedenza  sulle altre; la descrizione della configurazione
del  sistema  e  possibilmente  una  stampa dei risultati di
Sysinfo (o analogo programma) mi sono di grande aiuto.

Disturbi   orizzontali  che  scorrono  lentamente  in  senso
verticale  oppure rapidissimi ondeggiamenti (piu' fastidiosi
in  alcuni  modi  grafici)  sono dovuti ai campi magnetici o
all'inquinamento    armonico    dei    230V    prodotto   da
trasformatori,  motori,  alimentatori, varialuce, lampade al
neon poste troppo vicine al monitor.

Sottili righe verticali impercettibilmente piu' chiare dello
sfondo,  equidistanziate, che appaiono solo nei modi a 31Khz
in  posizione  fissa  e  particolarmente visibili su aree di
colori  scuri  sono una normale caratteristica degli A1200 e
A4000.   Puo'  diventare  fastidiosa  se  si guastano alcuni
componenti  che  fanno capo al DAC video di Amiga, oppure in
caso  di  combinazioni  "sfortunate"  di monitor e computer.
Spesso la colpa e' dell'adattatore da 23 a 15 pin:  e' utile
una prova incrociata con cavi e monitor di un altro Amiga.

Un  noto  difetto  della prima serie di A1200 sono fascie di
disturbo  orizzontali visibili in qualsiasi modo grafico che
riguardano   colore   e   luminosita'   dell'immagine  e  si
manifestano  durante  il  "click"  delle  testine del floppy
drive  o  l'attivita'  dell'hard  disk.   Il difetto, che si
manifesta   solo   con   alcuni   modelli   di  monitor,  e'
correggibile  da  un  semplice  intervento  in  garanzia per
evitare  che il rumore raccolto dalle piste di alimentazione
raggiunga  la circuiteria video analogica.  Una nota tecnica
per  la  soluzione  del problema e' stata inviata da tempo a
tutti i centri assistenza autorizzati.

Non  e' raro il guasto descritto da Andrea Dezzani:  sottili
segmentini orizzontali (simili al normale artifatto del modo
HAM) che appaiono alla destra di elementi grafici fortemente
contrastati,  di solito solo nel modo superhires e in quelli
deinterallacciati  (cioe'  con il pixel clock piu' alto) e a
computer  caldo.   Spesso e' causato dal surriscaldamento di
un  chip  custom o da problemi di accesso alle RAM, e non si
puo' risolvere con mezzi di fortuna.

Si  e' rivelata vera la promessa che gli ingegneri Commodore
fecero  al  momento  della  presentazione di A600:  i CIA di
questo modello, impiegati anche su A1200 e A4000, sono quasi
indistruttibili.   Questa  miglioria  e l'assenza di zoccoli
che si possono ossidare ha visibilmente ridotto il numero di
guasti.


Main Previous Next