Altri articoli sul numero 48
 Articoli sullo stesso argomento

Per  chi  vuole  fare  ray-tracing  e  ha  un budget ridotto
l'Amiga   1200   ha   un  difetto:   manca  il  coprocessore
matematico   e   le   schede   di  espansione  con  il  solo
coprocessore  sono  costose.  Il signor Oppici di Collecchio
chiede  se  e'  possibile  rimandare al futuro l'acquisto di
un'espansione piu' completa installando solo il coprocessore
in qualche altro modo.

Sulla   motherboard   di   A1200   ci  sono  delle  piazzole
inutilizzate, la cui funzione non e' dichiarata da Commodore
ma  che  evidentemente  sono  i  punti  dove  possono essere
saldati   il   coprocessore   matematico   e   i  componenti
dell'orologio  (Real Time Clock).  Qualsiasi saldatura sulla
piastra  non  effettuata da un centro assistenza autorizzato
invalida   la   garanzia;  a  differenza  dell'installazione
dell'hard  disk si tratta di un intervento non reversibile e
percio'  rischioso.   Le piste che portano a queste piazzole
non  vengono  collaudate  in  fabbrica  ed  e' possibile che
qualcuna  sia interrotta, oppure che su alcune revisioni del
circuito  stampato  vengano  rimosse:   l'intervento non da'
risultati certi.

I  segnali  necessari  al  funzionamento  dell'orologio sono
riportati  anche su un connettore interno, documentato, a 20
o  a 40 pin.  Non e' conveniente saldare sulla motherboard i
componenti dell'RTC perche' oltre al chip orologio occorrono
altri  elementi.   Il  circuito e' identico a quello montato
sulle espansioni A501.

La   logica   che   genera  l'unico  segnale  necessario  al
coprocessore  che  non  e'  un  semplice riporto dei pin del
68020  (il  segnale  /CS) e' gia' presente sulle motherboard
degli  A1200  attualmente  in  commercio.   Basta saldare un
68881  o  68882 sulle piazzole, e il Kickstart si accorgera'
della sua presenza senza altro intervento.

I  coprocessori  sono  disponibili  in due forme ("package")
diverse:   PGA (Pin Grid Array), di ceramica e metallo con i
pin  sulla  faccia  inferiore  e  PLCC  (Plastic Leaded Chip
Carrier), con i 68 pin a forma di J disposti lungo i quattro
lati.   Le  piazzole su A1200 sono previste per il tipo PLCC
che  e'  molto  piu' economico ma e' disponibile solo per le
frequenze di 16 e 25Mhz.  La forma e il costo sono le uniche
differenze tra i due tipi, ma molte schede acceleratrici non
recenti  utilizzano  solo  la  versione  PGA perche' e' piu'
facilmente reperibile.

La scheda CPU di A4000/030 accetta entrambi i package, ma e'
presente  solo  lo  zoccolo  PLCC  e  volendo  installare un
coprocessore  PGA  si devono saldare sulle apposite piazzole
della  scheda  uno  zoccolo  PGA  a  68  pin e il "quarzo" a
frequenza piu' elevata.

Poiche'  il  68881 o 68882 lavora in modo asincrono rispetto
al processore, lo si puo' far funzionare ad una frequenza di
clock  diversa  da  quella  del  68020 (14Mhz) oppure con lo
stesso  segnale.   Sulla motherboard di A1200 non ci sono le
piazzole  per  un  oscillatore  separato percio' anche se si
salda  un  coprocessore  a 25Mhz, poiche' il segnale sul pin
CLK  (pin  11)  resta  a 14Mhz e' questa la velocita' che si
ottiene.   Ovviamente sulle schede di espansione c'e' spazio
in  abbondanza  per  un oscillatore e in quasi tutte si puo'
montare se occorre.

I  dati  che il coprocessore elabora devono essere forniti e
prelevati dalla CPU e la velocita' di questo scambio dipende
dal   clock   della   CPU;  aumentando  il  clock  del  solo
coprocessore  la  velocita'  di elaborazione aumenta sinche'
non  si  arriva  al punto in cui il tempo per lo scambio dei
dati  diventa  preponderante  sul  tempo di calcolo.  Per un
68020  a  14Mhz  un buon risultato si ottiene con il 68882 a
25Mhz.

Si  puo'  saldare in qualche modo un oscillatore quarzato da
25Mhz  nelle vicinanze del coprocessore (va messo in modo da
poter richiudere la schermatura altrimenti non entra piu' la
tastiera),  prelevando  la sua alimentazione dal pin 10 e la
massa dal pin 12 del 68882 dopo aver interrotto la pista che
porta  il clock a 14Mhz, ma non avendo l'attrezzatura adatta
e'  facilissimo staccare altre piste e rovinare malamente la
motherboard.   La  lunghezza  dei  fili  di  collegamento e'
critica.   Sempre  per  problemi di spazio non si puo' usare
uno zoccolo.

Non  e'  possibile dissaldare affidabilmente componenti PLCC
senza   l'apposita   attrezzatura,  percio'  chi  decide  di
installare  da se' il coprocessore deve essere assolutamente
certo  di averlo orientato nella maniera esatta sul circuito
stampato prima di saldarlo e non potra' piu' rimuoverlo; per
disattivarlo si puo' isolare il suo pin numero 29.

Se  non  si  tenta  di  eseguire  istruzioni  matematiche in
virgola  mobile  (che  provocano  un errore di sistema in un
A1200  inespanso) il coprocessore resta assolutamente inerte
e non puo' dare problemi di compatibilita'.

Per   saldarlo   basta  un  saldatore  con  punta  a  spillo
alimentato  a  bassa tensione (meglio se termostatato), filo
di stagno finissimo (o la speciale lega in pasta), una lente
"da  gioielliere"  e  mano  da  chirurgo.   E' un'operazione
laboriosa  anche  per  chi e' esperto.  Prima di iniziare si
deve incollare in posizione il chip con colla non corrosiva,
poi  si  saldano per primi due pin su angoli opposti in modo
che  stia  fermo;  bisogna  usare pochissimo stagno ma senza
fare saldature fredde.

La differenza tra 68881 e 68882 e' stata spiegata sul numero
44  di Amiga Magazine; l'unica differenza software tra i due
riguarda   i   frame  di  stato  "busy"  e  "idle"  generati
dall'istruzione  FSAVE  ed  e'  insignificante ai fini della
compatibilita'.


Main Previous Next