Altri articoli sul numero 44
 Articoli sullo stesso argomento

Il  chip  set AGA necessita di un monitor multisync in grado
di sincronizzarsi con una frequenza orizzontale minima di 15
Khz  e  verticale  di  50 Hz:  questo dipende da modo in cui
funzionano  i  chip custom (consultate l'articolo sul futuro
chip  set  per saperne di piu').  Purtroppo queste frequenze
non  vengono  piu'  usate dalle schede S-VGA, di conseguenza
sono  rimasti  sul mercato pochi modelli di monitor in grado
di accettarle.  Pochissimi sono in grado di coprire tutto lo
schermo   orizzontalmente,  sia  perche'  sono  pensati  per
funzionare con schede VGA, che non generano un bordo come fa
Amiga,  sia  perche'  gli  utilizzatori  di "compatibili" si
aspettano  8  - 16 mm di bordo nero ad ogni lato del raster,
mentre  gli  utenti  Amiga sono abituati ad avere un monitor
televisivo, regolato in overscan.

Il  monitor  1960  deve funzionare anche con i "compatibili"
Commodore  percio'  per come e' tarato di fabbrica in alcuni
modi video il raster e' stretto.

La  soluzione  piu' semplice consiste nell'agire sul comando
di ampiezza orizzontale interno, come spiegato sul numero 38
di Amiga Magazine, ma poi potrebbe non essere piu' possibile
usare  il monitor connesso ad una scheda VGA.  I tre monitor
descritti   sul   numero  38  sono  rappresentativi  per  le
possibili    soluzioni    circuitali   adottate   dai   vari
costruttori;  il  modo di procedere e' sempre lo stesso.  E'
opportuno  misurare il valore dell'alta tensione prima della
taratura, e assicurarsi che dopo non sia cambiato.

Nei  monitor monocromatici si deve invece agire sugli anelli
di  ferrite  magnetizzata posti sul giogo del tubo catodico,
dopodiche' si ripristina l'ampiezza verticale con l'apposito
comando.   Nei  monitor a colori quegli anelli, se presenti,
regolano la purezza di colore e non vanno mai spostati.

Il  problema  in  realta'  e'  stato  decisamente esagerato:
anche  se sono pochi, esistono monitor anche a 17 pollici in
grado  di visualizzare tutte le risoluzioni di A4000 e A1200
senza problemi.

Sia  ECS  che AGA hanno sono dotati di registri per cambiare
entro  certi  limiti  le  frequenze  video.   A  partire dal
kickstart  2.0  difatti  vengono  forniti file (nel cassetto
"Monitors")  contenenti  i  valori  che il sistema operativo
deve   scrivere  nei  registri  per  ottenere  le  frequenze
associate  al  modo  video.  Cambiando questi valori sarebbe
possibile  adattare  il modo video in modo che funzioni bene
con il proprio monitor.

Attualmente  Commodore non intende rilasciare le specifiche,
anche  perche'  molti  monitor  sono  privi  di  circuiti di
protezione  che  impediscano la sincronizzazione a frequenze
per  cui il monitor non e' stato progettato, quindi si corre
realmente il rischio di fare danni!  Normalmente per fortuna
il   guasto   non   e'  fulmineo,  ma  e'  preceduto  da  un
allargamento  del  raster spesso accompagnato da un sibilo e
variazione della luminosita'.

Un programma che consenta di regolare a piacere le frequenze
orizzontali  e verticali di scansione, e dunque la quantita'
di  flicker  e  il rapporto altezza/larghezza dell'immagine,
sarebbe  facilmente realizzabile sia con il chip set ECS che
con  AGA:   e'  probabile  che  venga realizzato entro breve
tempo.

Il  modo  DblPAL  su  A4000  e  A1200 utilizza una frequenza
orizzontale  di 27 Khz circa, per cui monitor multiscan come
il  NEC 4FG che sono al limite di funzionamento con i 31 Khz
prodotti     dalle    schede    deinterallacciatrici,    non
sincronizzano  il  DblPAL.   Esistono versioni aggiornate de
file "DblPAL" che curano il problema del bordo troppo ampio,
talvolta risolvibile anche usando il file "VGAonly".

La   scheda  flicker  fixer  Commodore  per  A2000  funziona
perfettamente su A4000, ma solo nei vecchi modi grafici:  la
sua  palette  resta  di  soli  4096  colori.   Per non avere
distorsioni  sui  colori usando il Workbench o programmi che
sfruttano  i nuovi chip occorre una switch box per scegliere
se  collegare  il monitor all'uscita della flicker fixer o a
quella a 23 pin.


Main Previous Next