Altri articoli sul numero 39
 Articoli sullo stesso argomento

Questo  mese  vedremo  piu'  in  dettaglio  come valutare le
caratteristiche di un monitor per l'uso con Amiga.

Spesso  la  scelta  del monitor diventa problematica perche'
sigle  e  risoluzioni  sono  sempre  riferite a prodotti IBM
compatibili, e non e' immediato tradurle in termini adatti a
stabilire  le  prestazioni  se  connessi  con  un Amiga:  al
solito  l'unica  prova  definitiva  consiste  nel provare il
collegamento prima di fare l'acquisto.

Il  nome  "Multisync" e' un marchio registrato della NEC, di
conseguenza  gli  altri produttori denominano i loro monitor
con  nomi  come  "Multiscan"  o  simili,  che sono del tutto
equivalenti.   Qualche  rivenditore  definisce "Multisync" i
monitor  che  possono  sincronizzarsi in modo continuo dalle
frequenza  proprie  dell'Amiga  o della scheda CGA sino alle
frequenze  Super-VGA;  mentre  chiama "Multiscan" quelli che
invece    sono    adatti    solo    per    gli   Amiga   con
deinterallacciatore  o  le  schede Super-VGA (potete leggere
nel riquadro qual'e' la differenza tecnica interna).

Altri    definiscono   questi   ultimi   "Triscan"   perche'
sincronizzano  le  frequenze  fisse  corrispondenti alle tre
risoluzioni  piu'  comuni  delle  schede Super-VGA:  640 per
480, 800 per 600 e 1024 per 768 pixel.  Il modo 1024 per 768
pixel  puo' essere interallacciato oppure no.  Per l'uso con
Amiga  cio' non fa alcuna differenza, in quanto le frequenze
del    modo    productivity    o    quelle    prodotte   dal
deinterallacciatore sono simili a quelle prodotte da una VGA
640  per  480,  dunque  la  possibilita'  di mostrare modi a
risoluzione  maggiore  e'  superflua  benche' sia sintomo di
qualita'.


Main Previous Next