Altri articoli sul numero 38
 Articoli sullo stesso argomento

Per   chi  non  possiede  un  deinterallacciatore  il  primo
problema   da  risolvere  e'  come  realizzare  il  cavo  di
collegamento.   I  monitor multiscan infatti sono forniti di
un cavo con connettore per scheda VGA a 15 o a 9 pin, mentre
la presa video di Amiga e' a 23 pin.

L'adattatore  da  23 a 15 pin normalmente usato e' lo schema
di   figura  2.   I  tre  segnali  R,G,B  analogici  vengono
direttamente  connessi  al  monitor,  mentre  i  sincronismi
orizzontale  e  verticale  passano  per  un  buffer  TTL  di
disaccoppiamento ottenuto con due inverter in serie.

I conduttori dei segnali R,G,B (pin 1,2,3 del connettore VGA)
sono schermati; la calza va saldata sui pin 6,7,8.
A, B, C, D sono inverter contenuti nell'integrato SN74LS14.

La  pratica  pero'  ci  mostra  che  questa non e' sempre la
soluzione  migliore.   I monitor multiscan spesso utilizzano
la  polarita'  dei  sincronismi  per  stabilire  il rapporto
altezza/larghezza  dell'immagine:   a seconda del modello di
monitor,  e'  possibile  che  invertendo  la polarita' uno o
entrambi  i  sincronismi  l'ampiezza  dell'immagine generata
riesca a riempire tutto lo schermo o, viceversa, non debordi
piu'.

Alcuni   monitor   (per   esempio   certi   CTX)  funzionano
correttamente  anche  con  il cavo semplificato di figura 1,
purche'  il  monitor sia gia' acceso al momento di accendere
il  computer.   In  caso  contrario  il  computer  non parte
perche' i piedini di sincronismo sono sovraccaricati.

I conduttori dei segnali R,G,B (pin 1,2,3 del connettore VGA)
sono schermati; la calza va saldata sui pin 6,7,8.


Main Previous Next