Altri articoli sul numero 38
 Articoli sullo stesso argomento

Questo  mese  inizieremo  a vedere come si possono collegare
agli Amiga dei monitor diversi da quelli standard.
Con il continuo abbassarsi dei prezzi, i monitor Multisync o
Multiscan,   che   fino   a   poco   tempo  fa  erano  quasi
irraggiungibili,  oggi  sono  diventati appetibili per molti
possessori  di Amiga.  In media costano il doppio esatto dei
monitor  standard,  ma  oltre a fornire un'immagine  di gran
lunga  piu'  definita,  sono un acquisto che sicuramente non
diventa obsoleto con il tempo.

Non   occorre   possedere   un   Amiga  3000  o  una  scheda
deinterallacciatrice  per  trarre  vantaggio  da  un monitor
multiscan.   Chi  possiede  un Amiga dotato del nuovo Denise
ECS  puo'  usare  il  modo  productivity  che  ha  le stesse
qualita'  di  definizione  e  stabilita'  di  una scheda VGA
standard,  mentre  chi  non lo possiede puo' comunque godere
della  maggiore  definizione  e fedelta' dei colori nei modi
standard.  Se poi decidete di acquistare un monitor "a bassa
radiazione",  oltre  che  dai campi elettromagnetici (il cui
effetto  biologico  e'  controverso  e  probabilmente nullo)
siete  protetti  da  quelli  elettrostatici che "sparano" il
pulviscolo  atmosferico  contro  la  faccia  dell'operatore,
dando problemi a chi soffre di asma e di acne.  Radiazioni e
campi  elettrostatici  sono  un  problema solo dei monitor a
colori non schermati, quelli in bianco e nero li generano in
misura di gran lunga minore.

Ovviamente il monitor da solo non e' in grado di produrre un
display     deinterallacciato    (l'unica    eccezione    e'
rappresentata dal monitor Commodore a toni di grigio ad alta
definizione  A2024),  dunque  dal punto di vista del flicker
non  c'e'  nessun  vantaggio  se  non si installa una scheda
deinterallacciatrice.   Addirittura  lo  sfarfallio potrebbe
peggiorare  rispetto  al monitor standard, poiche' i monitor
super VGA hanno di solito fosfori a persistenza bassissima.
Anche    se   (in   modo   non   interallacciato   e   senza
deinterallacciatore)  a prima vista puo' sembrare sgradevole
vedere  le  righe orizzontali dello schermo ben separate tra
di  loro da una zona nera, messa impietosamente a nudo dalla
altissima  definizione  di questi monitor, i nostri occhi in
realta'  sono  molto  meno  sotto  sforzo  di  quando devono
decifrare lettere dai contorni sfuocati.  Allo stesso prezzo
di  un  monitor  multiscan  si puo' agevolmente comperare un
monitor  super-VGA con una scheda deinterallacciatrice:  con
questa  combinazione potreste da subito eliminare per sempre
il   flicker  e  le  righette  nere,  ma  se  escludeste  il
deinterallacciatore   sullo   schermo   vedreste   solo  dei
disturbi.

Allora  il  modo  superhires si potrebbe vedere solo in modo
distorto, e vi potreste trovare nei guai al momento di usare
un  video  enhancer  (come HAM-E) o un genlock incompatibile
con  i  deinterallacciatori:  ricordo che solo pochi genlock
sono  in  grado  di  funzionare correttamente assieme ad una
scheda deinterallacciatrice.

Questo perche' il genlock altera le temporizzazioni video, e
molte    deinterallacciatrici    non    riescono    piu'   a
sincronizzarsi.


Main Previous Next