Altri articoli sul numero 113
 Articoli sullo stesso argomento

Possiedo  una  CyberStormPPC  604/233  MHz al cui controller
SCSI  e' collegato un hard disk ultra wide IBM. Ho deciso di
estendere  il  bus  wide  SCSI  con uno narrow attraverso un
adattatore  da 68 a 50 pin per utilizzare i dispositivi SCSI
piu'  diffusi;  nel  manuale  della  Phase5  e'  scritto che
l'adattatore  deve terminare attivamente le 8 linee alte. Ho
cercato  questo tipo di adattatore per molto tempo ma sembra
proprio non esistere nulla di simile.

Per  connettere un cavo wide SCSI interno ad uno narrow SCSI
interno  serve  un  adattatore  a  68  pin  femmina e 50 pin
maschio,  ma  per  quanto  ho  potuto  constatare  nei  vari
cataloghi  on-line,  questo  tipo  di  adattatore non e' MAI
terminato.

Gli  unici  adattatori  wide-narrow  interni  sono  di  tipo
femmina-femmina  e sono utilizzati per connettere un singolo
dispositivo  narrow  ad un bus wide SCSI. Potrei utilizzarne
uno   di   questo   attraverso   un   adattatore   a   50pin
maschio-maschio o modificando il cavo narrow?

Un  ulteriore  problema  e'  che  questi adattatori sono si'
terminati,  ma  non  "attivamente"  bensi'  sono "negatively
inverted" (o qualcosa del genere): sono compatibili? Mi pare
di  aver  letto  che  comportano una migliore efficienza nei
collegamenti  lunghi, al costo di un maggior assorbimento di
corrente.  Che si possano utilizzare con il controller della
CyberStorm?
Davide Aliani (dalianiATiol.it)

  difficile  collegare  correttamente  il  controller SCSI2
della  scheda  CyberStorm, perche' non rispetta lo standard.
Le  specifiche dichiarano chiaramente che ogni controller di
questo    tipo    deve    contenere   terminatori   interni,
disabilitabili  esclusivamente quando sia il pettine esterno
(facoltativo)  che quello interno sono presenti e impegnati.
Per  evidenti  economie  costruttive la CyberStorm non segue
questa  regola, quindi e' necessario rimediare all'omissione
lavorando  sulla  disposizione  di  periferiche e adattatori
lungo  il  cavo SCSI. Chi possiede almeno un disco fisso con
connettore  a  68 pin lo deve collegare ad un'estremita' del
cavo,  inserendo  il  connettore adiacente sul pettine della
Cyberstorm. Il suo terminatore interno dev'essere abilitato.
La distanza tra questi due connettori non deve superare i 10
centimetri.  L'eccedenza  di cavo dev'essere tagliata via se
non   sono   collegate   altre  periferiche,  mentre  se  e'
disponibile un secondo disco fisso a 68 pin basta collegarlo
all'altra  estremita'  del  cavo  lasciando abilitato il suo
terminatore:  in  questo  modo  ogni  periferica a 50 pin si
potra'  collegare  a piacere nel tratto di conduttore tra il
secondo  disco fisso e il controller, usando una piattina di
adattamento  (senza terminatori) da 68 a 50 pin per ciascuna
periferica. La lunghezza di ogni piattina di adattamento non
deve superare i 10 centimetri.

Il problema nasce quando si vuole collegare una periferica a
50  pin  senza  avere  un  terminatore  attivo a 68 pin o un
secondo  disco  fisso all'estremita' del cavo, oppure quando
si  possiedono  periferiche SCSI a 50 pin esterne. In questo
caso  sarebbe  necessario  un  adattatore da 68 a 50 pin con
terminatori  solo  sugli  otto bit alti del bus SCSI, che e'
irreperibile.  Inserendo un adattatore standard l'unico modo
tecnicamente corretto per risolvere il problema consiste nel
disabilitare  la modalita' Wide sul controller, usando tutte
le  periferiche  della  catena  nella modalita' a 8 bit. Una
soluzione   migliore  consiste  nell'acquistare  un  secondo
controller  SCSI  da dedicare alle periferiche a 50 pin, che
cosi'  non  potranno  piu' intralciare i veloci dischi fissi
SCSI2.


Main Previous Next