Altri articoli sul numero 107
 Articoli sullo stesso argomento

Un   lettore   anonimo   vuol   sapere   se  acquistando  un
masterizzatore  prodotto  da  Yamaha, Sony, Waitec o Plextor
potrebbe incontrare problemi a farlo riconoscere dalla porta
Ide di Amiga, e se la voce secondo cui mediamente la testina
di un CD-R dura solo 70000 ore e' vera.

Il  set  di  comandi  accettato  dai masterizzatori Scsi2 e'
stato  standardizzato solo da pochi mesi, percio' la maggior
parte  dei  modelli  in  commercio  non e' ancora conforme a
questo   protocollo.   Per   evitare   brutte   sorprese  e'
indispensabile  consultare  la lista dei modelli compatibili
contenuta    nella    documentazione    dei   programmi   di
masterizzazione.  Purtroppo  solo  i  programmi  pił costosi
supportano   la   maggioranza  dei  masterizzatori  ad  alta
velocita'.  A  volte  pero'  si  possono  risparmiare alcune
centinaia  di migliaia di lire acquistando un masterizzatore
rimarchiato   dalle  grandi  catene  di  distribuzione  come
Traxdata o Waitek: questi apparecchi sono identici a modelli
Philips,  Yamaha,  Plextor  ecc.  pił  costosi, dai quali si
distinguono  solo  per  la diversa stringa d'identificazione
del   loro   BIOS.   Per   'convincere'   un   programma  di
masterizzazione  a  lavorare  con  questi  apparecchi  basta
percio'  aprirlo  con  un  editor  di  file  esadecimale (ad
esempio   Hex)  e  sostituire  la  stringa  del  modello  di
masterizzatore  originale  con quella restituita dal lettore
rimarchiato,  rispettando  scrupolosamente eventuali spazi e
lettere minuscole/maiuscole. La stringa si puo' scoprire con
un programma di analisi del bus Scsi come Scsiprobe.

La  vita  utile  della testina laser non e' fissa ma dipende
soprattutto  dalla  temperatura  di  funzionamento  (pił  e'
bassa, meglio e') e dalla marca dei CD-R utilizzati.

Sauro  Del  Dotto  ci  ha  inviato  una  e-mail per chiedere
consigli   sulle   possibilita'   di  collegamento  del  suo
masterizzatore  (Yamaha  4416S  esterno  SCSI 2) ad un Amiga
1200  con MBX1200 Microbotics espanso con 68882 da 25 MHz, 8
MB  di  Fast  RAM,  disco  fisso  interno  Eide  da 130 MB e
Squirrel  Classic utilizzata con un lettore NEC 6x multispin
esterno  (sempre SCSI 2). Sauro e' orientato all'acquisto di
un'unita'  Jaz esterna per contenere i file da masterizzare,
tuttavia  non  e'  sicuro  che la lenta interfaccia Squirrel
Classic  possa gestire contemporaneamente il masterizzatore,
il lettore Cd e l'unita' Jaz.

L'interfaccia  Squirrel  Classic  ha  una  limitazione molto
grave  che  la  rende  sconsigliabile  per  il controllo dei
masterizzatori:  tiene  impegnata  al 100% la CPU dell'Amiga
durante l'intero tempo di accesso al bus Scsi. Cio' limita a
2x  la  massima  velocita'  di masterizzazione Track At Once
oppure  Disk/session At Once. Utilizzando masterizzatori con
buffer interno relativamente piccolo (come il modello Yahama
citato)  non  si puo' usare come appoggio per l'immagine Iso
un  disco  Scsi  collegato alla Squirrel. La CPU dell'A1200,
indipendemente  dalla  sua  frequenza  di  lavoro, al minimo
intoppo  non  riuscirebbe  pił  a  riempire  il  buffer  del
masterizzatore  provocando  un errore di buffer underrun nel
masterizzatore.

Per  sfruttare  nel  modo  migliore  il masterizzatore sara'
quindi   necessario   acquistare  un  controller  Scsi2  con
prestazioni  migliori,  magari integrato su una nuova scheda
acceleratrice.   Per   risparmiare   si  puo'  collegare  il
masterizzatore   alla   Squirrel   (dove  funziona  in  modo
affidabile  solo a velocita' 2x), acquistando un nuovo disco
fisso  Eide ad alta capacita' per sostituire quello attuale,
che  si puo' mettere da parte senza troppi rimpianti. Il suo
valore   commerciale   e'   inferiore  alle  20000  lire,  e
nell'Amiga  di  Sauro rappresenta un vero e proprio collo di
bottiglia   in   grado  di  cancellare  qualsiasi  vantaggio
apportato  dall'aggiornamento  della  CPU. Se il nuovo disco
fisso  ha  una  capacita'  superiore a 4 GB e' consigliabile
aggiornare anche AmigaOs alla versione 3.5.


Main Previous Next